Huawei P10 Plus Recensione

Huawei P10 Plus è il nuovo top di gamma cinese che intende sfidare i nuovi flagship di Samsung (S8, S8+) e Lg (G6). 

Confezione

All’interno della confezione troviamo un alimentatore per la ricarica rapida 5V/4.5A, un cavo USB-USB Type-C, un paio di buone cuffie stereo e una comoda cover protettiva in plastica e una pellicola protettiva per lo schermo già preapplicata.

Costruzione ed Ergonomia

Huawei P10 Plus non è uno smartphone molto  grande , ma ha comunque dimensioni importanti (153.5 x 74.2 x 7 mm), si colloca a metà strada tra un vero e proprio phablet e un device compatto. E’ realizzato interamente in metallo con un profilo stondato che rende lo smartphone molto piacevole al tatto e comodo da tenere in tasca e in mano, nonostante le dimensioni. Il retro poi è completamente liscio senza interruzioni, grazie alle fotocamere a filo (coperte da una parte in vetro) e anche grazie al fatto che il lettore di impronte digitali è stato spostato frontalmente. P10 Plus guadagna poi anche la certificazione IPX3 per la resistenza agli spruzzi. Interessante, ma poca cosa rispetto ad altri dispositivi impermeabili.

Hardware

Huawei ha scelto anche per questo suo P10 Plus il processore più potente che abbia mai costruito “in casa”. Parliamo dell’HiSilicon Kirin 960 octa core fino a 2,4 GHz con processore grafico Mali G71MP8. La RAM aumenta e arriva fino a ben 6 GB, “trascinando” con sé anche la memoria interna che ora tocca i 128 GB espandibili. Molto buona la connettività: Wi-Fi ac dual band, Bluetooth 4.2 e NFC. Presente poi sulla parte superiore dello smartphone una porta ad infrarossi.Il lettore di impronte digitali, che è stato spostato  sulla parte frontale ed è preciso e rapido nel rilevamento. Huawei P10 Plus ha poi l’audio stereo grazie alla capsula auricolare che funge da secondo speaker per le frequenze audio. Non sarà quindi un audio perfettamente bilanciato, ma è comunque una gradita aggiunta.

 Fotocamera

P10 Plus implementa due fotocamere in questo smartphone. La principale (a colori) da 12 megapixel e una secondaria da 20 megapixel in bianco e nero. Il software si preoccupererà poi di integrare i dati delle due fotocamere per poter scattare foto da 20 megapixel a colori (rinunciando però allo zoom digitale). Rispetto a P10 cambiano le lenti, sempre Leica, adesso Summilux con apertura ƒ/1.8. In tutta onestà la maggiore quantità di luce catturabile non è facilmente percepibile e in modalità automatica (con un software molto aggressivo nelle situazioni di poca luce) la differenza con l’altro modello non è particolarmente ampia. Gli scatti sono però molto buoni, proprio come sull’altro modello, e stupisce il buon bilanciamento dei colori anche con poca luce. La fotocamera è poi dotata di stabilizzazione ottica dell’immagine e troviamo anche l’autofocus laser ed il doppio led flash. La fotocamera permette anche di scattare foto con effetto si sfocatura variabile grazie proprio alla presenza di due fotocamere. L’effetto è ben riuscito e nella maggior parte degli scatti è godibile. L’HDR purtroppo è attivabile sono manualmente accedendo alle impostazioni. Facile invece entrare nella modalità di scatto manuale. Buoni i video in 4K che però non riescono a raggiungere la qualità di altre riprese realizzate con altri smartphone top di gamma del 2017. Buona la fotocamera da 8 megapixel frontale.

Display

Il display di Huawi P10 Plus è un’ ottima unità LCD IPS da 5,5 pollici e risoluzione QHD, leggibile anche sotto la luce diretta del sole e ben calibrato nei contrasti e nella temparatura. Il trattamento oleofobico del vetro protettivo spiecevole e incomprensibilmente trascurato da Huawei. Il device si riempirà di ditate sul vetro in un attimo, una delusione. Il comparto multimediale è affidato a uno speaker mono posizionato sul bordo inferiore, coadiuvato dalla capsula auricolare che riproduce le frequenze alte quando il device è rivolto in landscape mode.Nel vivavoce o per i suoni di sistema comunque verranno sfruttate le due uscite ma senza la separazione delle frequenze. La qualità è alta mentre il volume è nella media, siamo lontani da ciò che offre l’inarrivabile Huawei Mate 9.

Software

P10 Plus è equipapaggiato con Android 7.0 Nougat personalizzato con EMUI 5.1. L’interfaccia è quindi abbastanza differente rispetto ad Android stock, anche se è comunque possibile ripristinare il drawer delle applicazioni dalle impostazioni. Buona la personalizzazione, abbiamo varie impostazioni, ma fra tutte spicca sicuramente quella relativa ai temi che permette di stravolgere totalmente l’aspetto dello smartphone. Presente la modalità multiwindow per avviare due applicazioni in contemporanea anche se il metodo con cui farlo non è il più comodo. È possibile poi attivare con una gesture l’interfaccia di utilizzo ad una sola mano, anche se  non è comodissima. Infine abbiamo il software relativo alla gestione del telefono e le solite gesture con la nocca per la registrazione di video dell’interfaccia o per gli screenshot. L’interfaccia scorre molto fluida durante l’esecuzione di qualsiasi operazione, anche grazie ad un ottimo hardware.

Autonomia

La batteria a disposizione di Huawei P10 Plus è da 3750 mAh e viene sfruttata abbastanza bene, in modo da garantire solide performance di durata.
In termini numerici riuscirete a coprire una giornata abbondante, anche due con un po’ di attenzione, farete almeno 5h di display acceso se il vostro utilizzo è medio ma addirittura 6 o più se ne farete un uso smodato.

Prezzo

Huawei P10 Plus  viene venduto ad un prezzo ufficiale di 829€; una cifra importante anche se in linea con altri smartphone simili.

Conclusioni

Con un prezzo di listino pari a 829 € Huawei P10 Plus compete con smartphone del calibro di Samsung Galaxy S8 e LG G6 ma rispetto a loro punta rispettivamente su un sensore di impronte digitali anteriore che migliora l’usabilità e una scheda tecnica completissima. Il device è senza dubbio la versione più grande di Huawei P10, proposta ad un prezzo maggiorato. La più importante differenza è il display, più grande e a risoluzione superiore. Le altre aggiunte hardware sono gradite ma non decisive. Scegliete il vostro P10 preferito liberamente. L’esperienza d’uso è la stessa.